Spesso, si è portati a vivere il momento del colloquio di selezione con Head Hunter, ed in generale con un selezionatore, come di valutazione e giudizio nei propri confronti: ciò può provocare agitazione persistente durante il colloquio al pensiero di quello che il selezionatore potrebbe dedurre dai movimenti delle mani, dallo sguardo, dal tono di voce o dalle motivazioni che hanno spinto i differenti cambiamenti professionali.

E’, in realtà, una bellissima opportunità di confronto: non un mero scambio di informazioni legate, da una parte, alla propria esperienza professionale e competenze tecniche e, dall’altro lato, delle caratteristiche del progetto e dell’opportunità lavorativa per la quale ci si incontra, bensì uno scambio reciproco di
opinioni e visioni.

In Hunters Group, cerchiamo di far vivere (e vivere noi stessi in prima persona) ogni colloquio come opportunità di scambio circa la propria e altrui esperienza: noi, attraverso la conoscenza specializzata del settore, target e ruolo di riferimento con rispettivo posizionamento sul mercato, il candidato con la propria esperienza professionale strutturata negli anni di attività, affinchè vi possa essere una condivisione di opinioni e idee circa differenti situazioni del mercato Italiano ed Internazionale.
Se vissuto in quest’ottica, il colloquio acquista ulteriore ricchezza e valore , frenesia del confronto ed , oltre ad averne un vantaggio professionale, ci si saluta consapevoli che si è stati vicendevolmente preziosi , e che è stata occasione di arricchirsi di informazioni, contenuti e visioni del mercato differenti ed innovative.

Noi , in Hunters Group, vogliamo vivere così ogni colloquio.

E tu?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Navigazione articoli