Il Master è una specializzazione che in Italia si acquisisce dopo aver conseguito una laurea, triennale e/o magistrale. Al giorno d’oggi quanto è importante frequentare un Master? Quanto è rivendibile sul mercato del lavoro?

La scelta del Master giusto è fondamentale: per potersi orientare al meglio occorre seguire diversi criteri utili per non cadere nel rischio di fare la scelta sbagliata. Oggi iscriversi ad un master richiede un investimento in termini di tempo e denaro importante, quindi bisogna assolutamente focalizzarsi su due aspetti prioritari: gestione delle lezioni ed esperienza diretta sul campo.

Il percorso d’aula dovrebbe essere tenuto oltre che da un team di docenti formati, anche da figure del mondo imprenditoriale e del settore di riferimento dello specifico Master, il che permette di avere già un primo assaggio concreto e tangibile del mondo del lavoro. La formazione che si acquisisce in aula è quindi molto importate e permette di apprendere nozioni mirate e dettagliate, ma se al termine dei mesi di lezione non viene garantita una “formazione sul campo”, allora non è sicuramente il Master giusto da scegliere.

Lo stage in azienda che un percorso di studi di questo tipo permette di fare è la chiave per poter scegliere il percorso migliore: la possibilità di mostrare le proprie capacità, incrementando la propria esperienza e soprattutto prendendo contatti con gli addetti ai lavori riveste indubbiamente un’importanza fondamentale. Questo percorso viene garantito da un master universitario, il che potrebbe far pensare che sia il modo migliore per aprirsi un varco nel mondo del lavoro.

Spesso capita che siano direttamente le aziende a contattare le università per informarsi sugli studenti impegnati in questi corsi di specializzazione, privilegiando in sede di selezione una candidatura più completa e formata che solo un Master è in grado di fornire.

Quindi investire su se stessi e sulla propria formazione è la scelta migliore da fare per garantirsi un futuro professionale irto di soddisfazioni e crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Navigazione articoli